Associazione Tenda Padova

"Vivere nella precarietà del presente ma proiettati con fiducia verso il futuro: ecco la Tenda:
è fragile, ma la si fissa su ciò che è solido e sicuro;
è precaria, ma al suo interno vi si può trovare rifugio e protezione."


Scarica il file .pdf con la storia di 25 anni dei GruppiTenda: 1979-2004. (3,6 MB)

La storia

L'Associazione ha le sue origini nel lontano anno accademico 1979-1980, quando don Giovanni Brusegan propose a due ragazze di Trento, studentesse universitarie a Padova, di vivere insieme in appartamento cercando di porre, al centro della loro vita, Gesù.

Via Lovarini, via Amba Alagi, via Ceoldo... nomi di vie, ma per chi ha vissuto nei primi anni ottanta in questi appartamenti, si trattava delle prime esperienze "Tenda": vita in appartamento di studenti universitari che cercavano di vivere in ricerca, fraternità, servizio.
La proposta di vita in appartemento era affiancata da momenti di vita fraterna nei gruppi biblici e nella messa settimanale, cui partecipavano anche giovani padovani.Questi momenti furono dapprima legati alle attività del Centro Universitario di via Zabarella, e successivamente, dal 1990, della Cappella Universitaria San Massimo.

Il numero degli appartamenti crebbe via via negli anni, accogliendo al suo interno un numero sempre più elevato di studenti stranieri, in particolare dall'Africa e, dalla caduta del regime comunista in Albania, anche di studenti albanesi, fino a raggiungere un massimo di 70 appartamenti!
Il delicato equilibrio che si era creato nel cercare di vivere secondo il Vangelo, accogliendo chi era meno fortunato e più povero, portò tuttavia ad un collasso degli appartamenti, poichè si creò un debito elevatissimo nei confronti dei proprietari degli appartamenti e, nello stesso tempo, le linee guida di ricerca, fraternità e servizio non venivano più sentite come una vera proposta da vivere con tutto se stessi.
Gli anni novanta sono perciò gli anni in cui si è cercato di dare un quadro più preciso e delineato della proposta stessa, sia dando vita all'Associazione Tenda, sia cercando di ricucire i debiti e di ridurre il numero degli appartamenti.
A tal proposito, si è cercata anche una collaborazione con Collegi Universitari Cattolici di Padova, in modo che gli studenti stranieri meritevoli potessero studiare a Padova usufruendo di una borsa di studio presso questi Collegi.

Nel quadro storico contemporaneo, si è visto che aiutare i paesi in difficoltà può avvenire in maniera più autentica aiutando i giovani a rimanere nel proprio paese. Si sta cercando, perciò, di aiutare studenti stranieri meritevoli nel loro paese di origine, in una sorta di adozione a distanza, sapendo che lasciare il proprio paese per uno più ricco non garantisce affatto un rientro mentre aiutare i giovani a rimanere nel proprio paese, offrendo là il proprio aiuto, può rivelarsi un tesoro prezioso sia per i giovani aiutati sia per il paese stesso.

Nella storia dell'Associazione, non si può infine non ricordare la figura di padre Zef Pllumi, un frate minore conventuale albanese, nato nel 1924 e morto nel 2007 che è stato il principale promotore per tante borse di studio per giovani albanesi dal 1991 in poi.
Dopo oltre 20 anni di carcere in Albania, desiderava "cambiare le teste degli Albanesi, per poter cambiare l'Albania". E proprio per questo, con l'appoggio di don Giovanni Brusegan, fece in modo che tanti giovani potessero venire a Padova a studiare.
La sua vita è stata un esempio per tutti e dovrebbe continuare a ricordarci che ricerca, fraternità e servizio sono parole che possono davvero essere vissute.

In questi ultimi anni L'Associazione, sia per motivi pratici ed organizzativi, sia per la richiesta sempre minore da parte degli studenti italiani, ha considerevolmente ridotto il numero degli appartamenti fino ai tre attuali.

Proseguendo nell'opera iniziata con Padre Zef si sta aiutando in particolare gli studenti albanesi che attualmente sono in maggioranza nei nostri appartamenti.
L'esperienza è stata anche "esportata" in Albania dove è sorta una casa che ospita studenti e che è impostata secondo gli obiettivi de "La Tenda". La nostra Associazione stà supportando economicamente questa iniziativa.
Inoltre stiamo sostenendo con borse di studio altri studenti residenti all'estero.

L'Associazione è infine impegnata in una revisione dell'offerta della associazione alla luce dei tempi che stiamo vivendo: maggiore attenzione alla personalità e alle esigenze dei ragazzi, maggiore offerta culturale e spirituale per ognuno di essi e per la comunità, presenza di tutor che li affianchino negli appartamenti.
E ciò nella consapevolezza delle difficoltà a cui andiamo incontro in un momento così difficile dove lo straniero, il diverso e il bisognoso sono visti spesso come nemici.